News & References

Event

Un Line Array RCF sulle ali del Red Bull Tour Bus

Dopo un completo restauro degli interni e un aggiornamento le tecnologie audio installando il piccolo e potente RCF HDL 6-A, il Tour Bus Red Bull ha solcato le strade estive della penisola italiana con il progetto LIVEIT. 

LIVEIT coniuga la presentazione di nuovi progetti artistici di musica indierock, electropop, hip hop italiana, con la possibilità di vivere un’esperienza del tutto originale, in località diverse l’una dall’altra, con delle produzioni di Festival che hanno nel loro DNA la buona musica con una particolare attenzione alle novità discografiche.

Il Tour Bus Red Bull si è fermato tra le piazze e le arene più belle d’Italia, al fianco dei migliori festival, per diffondere la musica e la voce delle band più interessanti della scena musicale autoctona, in collaborazione con MusicRaiser, Clockbeats e LePark Music Hub.

Il Red Bull Tourbus è un FIAT 309 degli anni ’60 che diventa sleeper-bus, sala prove e palco mobile. La dotazione tecnica è composta da 10 moduli HDL 6-A per lato e 4 potenti SUB 8004-AS. L’installazione è velocissima: il tetto del bus si trasforma in palcoscenico in pochi minuti, con truss laterali che contengono tutto il materiale illuminotecnico e i line array, installabili facilmente. Una volta appeso, l’array è ad oltre 5 m di altezza, in grado di coprire adeguatamente platee anche molto numerose.

"HDL 6-A è un sistema versatile, che unisce leggerezza delle componenti con un’ottima resa SPL. I SUB sono potenti e rotondi, l'impianto reagisce bene all’head-room del mixer ed ha una timbrica chiara e potente”, afferma Daniere Giraldi, sound engineer e titolare della SPS Audio che ha usato il sistema durante il festival L’Umbria che Spacca, “utilizzando già sistemi similari con SPS Audio, non abbiamo avuto il minimo dubbio nell’utilizzo del HDL 6-A."

Michael Gario - Freelance Sound Engineer, è sul Music Tour Bus di Red Bull in qualità di FOH Engineer durante il Reload Sound Festival. “Il sistema audio RCF a bordo del Music Tour Bus di Red Bull mi ha stupito enormemente sin dal primo ascolto”, commenta Gario “nonostante le ridotte dimensioni ha dimostrato subito di avere i muscoli per competere benissimo con sistemi audio ben più grandi. A livello di bilanciamento ho notato subito una piacevole freschezza sulle alte frequenze senza mai risultare fastidiose all’orecchio, medie frequenze perfettamente bilanciate e basse frequenze estremamente “punchy” senza mai sfociare in sub frequenze incontrollate. Un vero piacere per le orecchie.”

ho notato subito una piacevole freschezza sulle alte frequenze senza mai risultare fastidiose all’orecchio, medie frequenze perfettamente bilanciate e basse frequenze estremamente “punchy” senza mai sfociare in sub frequenze incontrollate. un vero piacere per le orecchie.

Live It è stato sviluppato in contemporanea con altri festival, come il Big Bang di Nerviano, Alley Oop nel centro di Piacenza, Albori Music Festival a Sulzano, paese sulle sponde del lago di Iseo, la Festa della Musica di Brescia, L’Umbria che Spacca di Perugia, Reload Sound Festival di Biella, RiveRock di Assisi.

Un totale di 24 giornate piene di musica, per un totale di 112.000 presenze, 11 artisti nel contest e 35 artisti ospiti del tourbus, 156 artisti totali ospitati nei festival, 25 tecnici, 7 fonici e uno stage manager.
.